24 August 2010

Zingaro chi sei? (parte seconda)

Riprendo volentieri il titolo di un  mio vecchio post che già poneva la questione zingari (nel linguaggio onusiano, chiamati "rom"), perché tornata clamorosamente alla ribalta dopo che Sarkozy ha inasprito le leggi e ne ha sancito il rimpatrio.
Se Sarkò ha fatto questa mossa perché é realmente convinto che un governo conservatore deve innanzitutto avere a cuore legalità e sicurezza dei suoi cittadini, va a suo merito. Se viceversa, ha fatto questo perché teme di essere scavalcato a destra da Le Pen e Philippe de Villiers e altri partiti identitari francesi, e pensa così di risalire facilmente nell'indice di gradimento dei sondaggi, lo si vedrà quanto prima. Il belletto e i trucchi di dozzina in politica, prima o poi si evidenziano per quel che sono. Tanto per cominciare dare la "paghetta" di 300 euro per ogni adulto e 150 per ogni bambino affinché se ne vadano, non mi pare una buona idea. Poi questi ritornano  incoraggiati, sotto falsa identità, magari moltiplicando la loro prole. Così arrivano a frotte, si fanno scudo umano dei bambini di cui non hanno alcun rispetto (li prostituiscono, li educano precocemeente al furto e alle razzie, quando addirittura non li abusano all'interno del loro clan con il silenzio complice delle organizzazioni mondialiste e di quel  Vaticano che poi  li santifica) e torneranno a batter cassa atteggiandosi a vittime perseguitate.  
A proposito di quest'ultimo, vengo a quella frase infelicissima che ha detto padre Arthur Hervet : "Prego affinché il signor Sarkozy abbia una crisi cardiaca". Davvero? E costui sarebbe un buon cristiano?
Il Vaticano e la Curia   si comportano forse umanamente incoraggiando scorribande, degrado, e furti d'ogni tipo che vanno a colpire i cittadini più poveri  e indigenti che abitano nelle periferie delle grandi città'? Non sono forse "ultimi" anche costoro? Essi non hanno certo il privilegio di abitare in lussuosi palazzi presidiati dalle guardie svizzere. Lo sanno o no, che nella periferia di  Milano, i nomadi  hanno rubato perfino una voliera di canarini di un povero pensionato che non aveva che questo innocente passatempo? Il povero vecchio non aveva più lacrime per piangere.
Qualcuno ricorda ancora lo stupro del "rom" Mailat terminato con la barbara uccisione a sassate della signora Giovanna Reggiani a Tor di Quinto dove c'era un campo nomadi abusivo? Era cristiana anche la povera  sig.ra Reggiani, ma il Papa, a quanto pare, se n'è già dimenticato. E che dire del nomade "ubriaco" Marc Ahmetovic, uccisore di quattro adolescenti nel marchigiano, e mandato poi semplicemente agli arresti domiciliari?

E le comunità ebraiche sempre pronte a paventare lo spettro dei pogrom hitleriani, perché tacciono invece ipocritamente nei confronti del governo  israeliano di  Bibi Netanyahu e della sua politica di restrizione migratoria che blocca l'accesso dei nomadi beduini dal deserto africano nei loro confini? Intendiamoci, il premier israeliano fa benone, a casa sua a difendere  la legalità e il territorio. Ma quel che è pacifico e regolare da loro, deve poter valere anche per gli altri stati, senza doppiezze di sorta.

Adesso ci riprova Maroni coi cittadini cosiddetti "comunitari" che violano le leggi. E allora ne vedremo delle belle: tutte le organizzazioni mondialiste  e buoniste associate insieme per giocare al tiro al piccione contro di lui.

22 comments:

Elly said...

Già, è da vedere se Sarkò ha intenzione di instaurare la legalità o è un giochetto. Certo quegli euro regalati così, danno da pensare, specie se appunto, regalati a chi ha milioni di euro di patrimonio nascosto pur non avendo nè un tetto nè tantomeno un lavoro stabile... e soprattutto stando a carico degli stati in cui si insedia. Io sono ancora per il blocco delle frontiere e per riaccompagnarli a casa loro. Ma senza regalare un euro in più. Solo che la mia è utopia. E purtroppo non vivo su marte. E finchè ci sarà la ue, non si risolverà mai niente, anzi.

Nessie said...

Ciao Elly, ben ritrovata!

Già, denari buttati. Senza contare tutti i quattrini che la Ue stanzia per la loro improbabile "integrazione". Quattrini prelevati dalle tasche dei cittadini dei paesi membri.

Giovanni said...

In effetti anche a me la mossa di Sarkò desta sospetto, conoscendo il personaggio e la sua consorte.Se è solo una mossa elettorale si vedrà. Il problema è a monte, ovvero aver fatto entrare nell'UE una repubblica delle banane chiamata Romania che concede passaporti a chiunque, il tutto ovviamente senza aver chiesto nulla alle popolazioni dell'UE tramite referendum (no, sia mai che si faccia referendum su questioni importanti tipo "nuovi ingressi nell'UE". Continuiamo a farli sulle cavolate pannelliane e ad applicare rigorosamente la "sacra costituzione" che impedisce l'utilizzo dei referendum per i sacri trattati internazionali) Comunque ai vari monsignori Vaticani e all'acida oca della Reding farei fare un bel giretto in un qualunque campo Nomadi. Facile parlare di integrazione dall'alto degli attici e delle curie di vossignorie. E' questa l'integrazione di cui parlano la gallinella lussemburghese e le tonache rosse? http://www.ilgazzettino.it/articolo.php?id=115676&sez=NORDEST
Il marito della poveretta era distrutto, tant'è che sa già che oltre al danno arriverà la beffa di una condanna ridicola da parte dei prezzolati ermellini.
Dopo uno si domanda perché l'Europa è piombata nel relativismo massonico più becero. Chissà perché...

Massimo said...

Denari buttati, sì. Mi domando fino a dove dovremo sprofondare prima di risalire ...

Nessie said...

Letto il link, Giovanni. Ormai episodi di questo genere non si contano nemmeno più. Tanto le élites mondialiste che provocano qesto caos (anzi chiamiamolo pure "poltergeist", dato che è uno scenario infernale) hanno deciso che noi siamo carne da macello.
Complice anche il Vaticano.
Per chi se ne fosse già scordato ricordo anche la povera ragazza Vanessa Russo, uccisa da sue zingare sulla metropolitana di Roma con la punta di un ombrello che le ha sfondato l'occhio e leso irrimediabilmente il cranio.
Ma penso che per i vescovi e il papa, bisogna porgere l'altra guancia (in questo caso, l'altro occhio) e magari perdonare.
Mentre la magistratura li lascia liberi di delinquere, con pene irrilevanti.

Sì Massimo, non so quale fondo dobbiamo toccare ancora. Più sprofondati di così...

Lo PseudoSauro said...

I nomadi non si toccano neanche con un fiore... e non mi fare dire il perche', che altrimenti il "mondo libero" mi viene a fare visita e mi porta via.

Evidentemente a Sarkozy viene concessa qualche licenza poetica in ragione dei suoi avi...

Maroni non ha ancora ben capito che lui non e' Sarkozy... a meno che non abbia qualche avo di quell'aristocrazia internazionale che se solo la nomini finisci nei guai.

Ergo: il diritto di saccheggio rimarra' agli zingari come da sentenza del Tribunale Internazionale. Loro sono le zanzare che ben altri nomadi usano per tormentarci e ricordarci quanto siamo stati cattivi prima ancora che nascessimo. (e questi mandanti usano fare ben altri salassi...)

Colpa gravissima, la nostra, oltre che collettiva: fine pena mai. Capito i "liberali" e "liberisti"? Se sbagliano loro e' colpa "individuale", se sbagliano gli altri, invece... e guai a tentare di discolparsi, se no ti mettono dentro con qualche altra scusa.

In due parole: il "mondo libero". Che dire di piu'? Provati a fare quello che fanno i "nomadi" e vedrai se i loro amici non ti mettono in gabbia.

E poi dicono che non e' una questione razziale... e cos'e' allora?

Nessie said...

Sì, temo anch'io che verso Maroni saranno ben più agguerriti e intolleranti che per Sarkò. Ma il povero Bobo, ingenuo, non lo sospetta ancora. E fa qualche chiacchiera di troppo al convegno di Rimini di CL che potrebbe costargli cara.
In questi casi, meglio agire senza fare annunci.

Marzio said...

Purtroppo non c'è fine da questo incubo senza fine. Avete sentito cosa è successo al Brennero? Non è uno zingaro ma è sempre uno straniero che uccide con ferocia un Italiano.

http://www.corriere.it/cronache/10_agosto_26/tir-ammazza-uomo-furgone-brennero_3f403b5e-b13b-11df-9462-00144f02aabe.shtml

Nessie said...

Grazie Marzio. Ho appena appreso anch'io l'agghiacciante notizia del romeno che investe col TIR l'uomo a cui ha procurato un sinistro col furgone.
Lo ha fatto apposta, eccome. E come al solito ci sarà un avvocaticchio che gli farà avere le attenuanti di pena.
E la bile sale alle stelle :-(

Aldo said...

Saura: «penso che per i vescovi e il papa, bisogna porgere l'altra guancia»

Quel che ci dimentichiamo troppo spesso è che le guance sono solo due e finiscono presto. A mio avviso le milionate di forestieri (che non significa necessariamente "stranieri") sono troppe per potere essere fisiologicamente assorbite, in particolare qui al nord. Ritengo che siamo ormai abbondantemente nel campo della patologia sociale. Una patologia potenzialmente mortale, certamente causa di forte malessere. Altro che "qualità della vita"!

P.S. Chi dovesse mai prendere fisicamente a schiaffi un cardinale, avrebbe il perdono (nella forma di impunità)? Il cardinale in questione porgerebbe materialmente l'altra guancia per una seconda tornata di ceffoni? Qualcuno vuole fare l'esperimento per raccontarcene gli esiti?

PP.SS. Fuori Tema: un complimento a Pseudo per il suo http://tinyurl.com/37zsyhs

Nessie said...

Ho detto l'altra guancia o l'altro occhio, caro Aldo, per ricordare quella povera ragazza Vanessa Russo uccisa con la punta dell'ombrello in un occhio su una metropolitana romana, che le procurò lo sfondamento del cranio. Fu proprio in quell'occasione che il vescovo pronunciò l'omelia del perdono durante la funzione con la povera madre della ragazza che gridò: "Noooooooo!". Un grido di disperazione che echeggiò per tutta la chiesa.

La Chiesa - e l'ho scritto già centinaia di volte - appartiene di fatto alle organizzazioni mondialiste xenofile come l'ONU, l'Ue, la commissione Ue, e altro caravanserraglio universalista.
Inutile perciò aspettarsi che sia in sintonia col popolo italiano e con i suoi stessi fedeli.


Sì, siamo abbondantemente dentro la patologia distruttiva e mortale.

Lo PseudoSauro said...

Grazie Aldo. Questo disordine mondiale pianificato non sa piu' quali palle inventarsi.

Sui "nomadi" e il loro diritto di saccheggio. Si dice che non abbiano per nulla la percezione di cio' che noi stanziali evoluti chiamiamo "proprieta'" (Montanelli).

Falso. Provate (se ci riuscite) ad entrare in un campo nomadi e rubare loro cio' che hanno rubato a voi ier sera... e vedrete se non hanno il "senso della proprieta'"... vi faranno a pezzi.

Lo stesso accadrebbe con qualunque popolo "nomade". sono solidali solo tra di loro e nemmeno sempre. Gli e' che sono dei "comunisti etnici" molto singolari: la loro comunita' non e' l'"umanita'", ma la loro tribu'. Come dare loro torto? La nostra comunita' e' forse il mondo globalizzato?

Quindi la solita domanda: perche' non e' possibile difendersi dai saccheggiatori nemmeno nel modo piu' "umano", cioe' quello di impedire loro l'accesso in casa nostra?

Io mi risponderei cosi': perche' il NWO e' un sistema ideato da nomadi per nomadi, ma nel nomadismo conta soprattutto l'anzianita'... per cui, chi e' nomade da generazioni ha una specie di bonus nei confronti di chi non lo e' affatto o lo e' appena diventato. Magari tra duemila anni (cifra a caso) avremo anche noi gli stessi "diritti"... ma forse non ci sara' piu' nulla da saccheggiare :-)

Nessie said...

In effetti è così: i nomadi da tempi immemorabili hanno sempre vissuto di saccheggio e di razzie. La si giri come si vuole. E gli zingari non fanno eccezione. Che non salti fuori il Vaticano a parlare stolidamente di genocidio perché non solo non è vero, ma perché di questo passo, chi rischia davvero il genocidio siamo noi. Ma forse anche questo fa parte del programma.

Nessie said...

Chi volesse rallegrarsi delle ultime scempiaggini vescovili legga qui:

http://www.corriere.it/cronache/10_agosto_27/vaticano-rom-immigrati-francia_91ed97cc-b1b6-11df-a044-00144f02aabe.shtml

Anonymous said...

La Francia ha agito nel perfetto rispetto (non sono nè sprovveduti nè superficiali nè tantomeno nazisti) delle normative europee in materia di immigrazione, diritti umani e controlo della delinquenza eppure l'hanno bersagliata lo stesso manipolando i fatti. Su Il Foglio di oggi c'è un bell'editoriale che però non riesco a pescare su internet.
Poi ripensando ai nostri post, commenti, considerazioni ed indignazioni mi rendo conto che oramai sono cose del passato: hanno vinto, oramai hanno scardinato e manomesso le nostre radici, la nostra cultura, i nostri valori.
Guardiamoci attorno, guardiamo cosa c'è in giro : oramai siamo una sorta di scalcinata, degradata, enorme, uniforme. standardizzata, globalizzata favela senza regole se non quelle del pensiero unico. E' finita. il mondo a cui siamo aggrappati e che ricordiamo non c'è più. Il degrado, il caos potranno solo peggiorare ed aumentare.
Ne abbiamo parlato spesso come se fossero cose a venire a cui ci si poteva opporre, che si potevano cambiare invece sono già qui.
Scarth

Nessie said...

Scarth, sono andata a rileggere il tuo commento di tre anni fa nel mio vecchio post "Zingaro chi sei?" (parte prima) che ho qui linkato, dove pensavamo tutti quanti che questa inarrestabile patologica emergenza migratoria avesse fine. E invece non solo non ha fine, ma pare che, chi si oppone blandamente (parlo di Sarkò, che tra l'altro per narimpatriarli li ha pure pagati) venga tempestato di critiche e di paletti ideologici.
Sì, stiamo diventando " una sorta di scalcinata, degradata, enorme, uniforme, standardizzata, globalizzata favela senza regole se non quelle del pensiero unico".

Nel contempo però sul lungo periodo non credo che questo schifo di governo mondiale andrà in porto e ci saranno nuovi inattesi scenari. Non si può giocare a pallone col mondo come fece Chaplin ne "il grande dittatore" e non riusciranno ad attuare una "governance" basata sul caos, facendo polpette del mondo che abbiamo conosciuto e della civiltà nella quale siamo stati cresciuti.
Che faccio, chiudo il blog perchè intanto lo schifo si ripete puntualmente le situazioni più assurde e crudeli, continuano come prima e più di prima?

"E' finita. il mondo a cui siamo aggrappati e che ricordiamo non c'è più".

Sì, caro amico, ma se nessuno lo ricorda, e omette di passare il testimone di quanto ha vissuto prima di questo apocalisse, allora sì, sarà davvero irreparabilmente finita. Io la vedo così.

Anonymous said...

E' successo che dopo la morte di quel bambino nomade, a causa dell'incuria e della sporcizia in cui li tengono, il sindaco Alemanno è corso all'ospedale a vedere come sta il fratellino. Gesto lodevole. Anche in passato a Livorno un altro bambino rom è rimasto ucciso nello stesso modo.
Allora c'erano Rosi Bindi, Rutelli e brutta compagnia in prima fila in chiesa, durante il rito funebre.
Peccato che nessuna di queste autorità andrà al funerale di quella povera donna uccisa da due zingari dopo aver rubato una tanica di benzina e aver percorso la via di Padova contromano.
Come non ci fu nessun politico al funerale dei quattro ragazzini marchigiani uccisi da Ahmetovic, il rom ubriaco.
Come si vede, ci sono morti di serie A e morti di serie B. Saluti
Pier Francesco

Nessie said...

Pier Francesco, a onor del vero non ci andranno nè politici di sinistra né politici di destra, tanto per intenderci.
Poiché se andassero al funerale di uno di noi Italiani autoctoni morti ammazzati a causa dell'immigrazionismo più scellerato, si buscherebbero subito subito la nomea di "razzisti". Questo è il punto in cui ci siamo ridotti!
Politici-marionette dell'Onu e affini, incapaci di tutelare perfino la vita dei loro elettori.

Più facile fare lacrimuccia per i morti "degli altri". C'è qualcuno che crede che i genitori di quello zingarello ucciso dalla loro stessa incuria e degrado si farà qualche anno di galera per omesso controllo e tutela di minore?
Ma figurarsi!

Anonymous said...

Ciao Nessie, la possibilità di condividere con altre persone con modi di sentire affini questi tempi difficili è davvero preziosa. Poi probabilmente non arriverà la "cavalleria" ma è vero che c'è la possibilità che i Dottor Stranamore del nuovo mondo standardizzato si facciano la festa da soli. Ad esempio la miccia della crisi economica mondiale che loro hanno acceso non sono ancora riusciti a spegnerla.
Scarth

Nessie said...

Ecco Scarth, per esempio questo è un buon motivo per andare avanti.
Anch'io credo che questa Frankenstein-economy con tutto ciò che ne consegue (risorse del pianeta alla frutta, alluvioni, incendi, terremoti, flussi migratori biblici, malattie, ecc.) alla fin fine imploderà da sola.
Certo che il tutto lascerà feriti, moribondi e morti lungo il percorso... E questo purtroppo va messo nel conto.

Anonymous said...

La Padania riportava la testimonianza di un poliziotto francese che raccontava di un rom che, una volta espulso, non aveva perso tempo e tornando in Francia aveva avuto anche la premura di pagare (con 300 euro francesi) il biglietto a quattro suoi cugini (il tragitto Bucarest-Parigi costa in Romania 60 quro circa).
All'inizio ho pensato che l'intera questione si risolvesse quindi in una messa in scena propagandistica. ma il fatto che a parlare fosse un poliziotto mi suggerisce che forse il buon Sarko non si farà infinocchiare da questi "rimpatriati per professione".
Al di la di tutto, spero che Maroni sappia fare meno rumore e più fatti.

Andrea

Nessie said...

Anch'io lo spero tanto, Andrea: meno rumore e più fatti da parte di Maroni.