21 January 2010

L'invenzione della malattia


Ritorno sulla nuova influenza su cui avevo già fatto un post  l'8 settembre scorso. Ormai continuano ad essere in molti ad aver mangiato la foglia, l'albero e anche la foresta a proposito di pandemie e malattie. La cosiddetta "suina" (o influenza A o H1N1) si è rivelata un'emerita bufala, ma la stampa mondialista (Financial Times in testa) non trova che penose pezze d'appoggio legate alla cosiddetta "sicurezza sanitaria " e "prevenzione"  tirando in ballo assurdi parallelismi con le case antisismiche, le porte blindate ecc. Della serie, meglio prevenire che curare. Il che sarebbe giusto se il vaccino fosse stato precedentemente testato. In ogni caso, poi una casa antisismica non te la inietti in corpo ed è chiaro che un terremoto è un evento assai più raro e straordinario di un'influenza. Mi riferisco all'articolo  del citato quotidiano inglese "Neppure un euro speso per i vaccini è stato inutile o sprecato" che si trova tradotto in Italiano su L'Occidentale. Quindi avere la faccia tosta di mettere pandemie, terremoti e attentati sullo stesso piano, non fa che accrescere dubbi sull'onestà di chi crea l'evento. La verità è ormai chiara: ci danno il veleno per poterci vendere l'antidoto. E se non arrivano ancora a "inoculare" i virus, sanno comunque  essere bravissimi nel creare campagne di stampa paranoidi e allarmistiche coi loro stessi organi di informazione così "indipendenti". Ma non  hanno nemmeno l'onestà di assumersi le responsabilità dei prodotti in commercio, tenuto conto che obbligano praticamente i governi all'acquisto, facendo spendere centinaia di migliaia di euro per il vaccino, senza immetterlo nel mercato "da privati" nel timore di class action e contenziosi che possono mandarli in rovina. Bravissimo il governo della Polonia che si è rifiutato di acquistarlo. Questo significa avere la schiena dritta! Vedere questo filmato Non altrettanto, il nostro che ha sprecato milioni e milioni di euro, caro ministro Sacconi e caro ministro Fazio.
Occhio dunque alle malattie mediatiche dette "disease mongering". "Sì, perché una malattia si può inventare, anche se il disturbo non esiste. Si può studiare a tavolino. Case farmaceutiche da un lato, medici dall'altro, un'ottima campagna di marketing. E il gioco è fatto. Viene prodotto un farmaco, magari si fa un convegno che legittimi una certa malattia, e quel farmaco inizia ad essere venduto. Le aziende farmaceutiche si arricchiscono, la classe medica perde la propria indipendenza a scapito delle reali necessità del paziente e dell'etica professionale". Per saperne di più, leggere tutto qui su Affari italiani .
Altri link di interesse: La suina era una bufala. Ma cosa mi dici MUAIII - direbbe Topo Gigio, principale testimonial di questa solenne pagliacciata.

27 comments:

Massimo said...

Purtroppo la "informazione" ci bombarda di necessità. Gridano "al lupo" e francamente la ragione davanti alle emozioni non avrebbe avuto scampo, per cui anche i morti che ci sarebbero (e sono) stati all'interno della abituale media di mortalità, sarebbero stati imputati ad una incapacità e negligenza. Del resto un problema di chi deve decidere non è solo affidarsi agli studi, ma anche porsi la domanda "e se ...".
Così, tutto sommato, meglio spendere un po' di soldi per i vaccini, che farsi trovare con i pantaloni calati qualora l'allarme fosse stato giustificato.

Aldo said...

Certo che sei cattivella! Hai già scritto tutto tu: in questo modo inibisci la possibilità di commentare. :)

Hai fatto bene a citare anche il terrorismo nel testo. Mi offri lo spunto per dire che l'incidenza del terrorismo sulla sicurezza individuale di ciascuno di noi è risibile. Sarebbe interessante se, invece dei numeri assoluti, ci fornissero delle percentuali sul totale della popolazione nazionale, quando parlano delle vittime del terrorismo. Quanti zeri, prima e dopo la virgola?

Le campagne allarmistiche si basano sempre su una omissione dei dati o su una loro presentazione in forma fuorviante. Quel che è certo, è che a rendere possibile l'inganno è anche la scarsa predisposizione dei più a "maneggiare i numeri". Se imparassimo a prendere in mano la calcolatrice, ogni tanto, probabilmente sarebbe più facile smascherare i mistificatori che allignano numerosi nelle classi dirigenti del mondo intero. Provare per credere.

Nessie said...

Massimo, l'Italia ha regalato a Novartis 184 milioni di euro. Proprio con la Novartis il governo italiano, all'epoca dell'allarme, ha firmato un accordo capestro per l'acquisto di 24 milioni di dosi di vaccino a un costo di circa 184 milioni di euro. Anche se sono stati somministrate solo 850mila vaccini, le clausole del contratto non prevedono né restituzione mé rimborsi. Questi sono i dati e non chiacchiere. La Polonia non l'ha fatto: guarda il filmato. Chapeau alla Polonia!

Nessie said...

E' vero Aldo: dati alla mano e non chiacchiere. Inoltre prelevo da Fatti d'Europa che:

"L'Oms, su indicazione di alcune grandi compagnie farmaceutiche e dei loro scienziati, hanno ridefinito il concetto ufficiale di ‘pandemia' abbassando i livelli di allarme", ha spiegato Wodrag. "Prima, una pandemia, per essere considerata tale, doveva essere non solo estesa a tanti paesi ma anche produrre un numero di decessi superiori alla media. Con la cancellazione di questo secondo criterio, è stato possibile lanciare un falso allarme, costringendo i governi a reagire immediatamente e a firmare contratti milionari di approvvigionamento vaccini con quelle stesse compagnie."

Il link di tutto l'articolo che probabilmente conosci già è in fondo al post.
Chi è a capo dell'OMS? Rockfeller. Che non è precisamente il Rockerduck di Topolino.

Anonymous said...

In ogni caso, Nessie da questa brutta storia della suina, mi sento di trarre uno spunto moderatamente positivo. La gente non è caduta nel tranello, e, infatti, i vaccini somministrati sono stati molto meno di quanto ci si poteva aspettare. Sano scetticismo? Inizio di consapevolezza che, mi auguro, si possa estendere anche ad altri campi? Io spero che sia così, anche se, per altre questioni, i segnali non mi sembrano molto incoraggianti. Paola.

Nessie said...

Sì, i segnali di resistenza sono stati incoraggianti, Paola. Ma rifletti bene su quel che trapela dall'articolo del Financial Times (giornale degli invisibili della Finanza) opportunamente tradotto in italiano da L'Occidentale. Non a caso il pacchetto si avvale di tre elementi: malattie e pandemie, attacchi terroristici e terremoti.
Tre "emergenze" che facilitano e accelerano il governo mondiale. Ti dice niente tutto questo zelo "preventivo"?
Intanto noi veniamo sempre più espropriati delle nostre peculiarità. Fino a inviare portaerei, equipe di sismologi e perfino Bertolaso ad Haiti. Beh, la cosa non mi piace per niente.
C'è un limite anche all'umanitarismo.

Anonymous said...

In questo caso, Nessie, mi sento di dar ragione a David Icke: problema, reazione, soluzione. E volà, alla fine, il governo mondiale. Rientra in questa logica anche l'invio della portaerei Cavour, con annessi e connessi, ad Haiti. Mi sembrano proprio prove tecniche di governo mondiale. E tutto questo mi puzza molto. Paola.

johnny doe said...

Preparavano sto vaccino un anno fa.
Già il mio medico sconsigliava la vaccinazione.Una colossale truffa ai danni di mezzo mondo.Ricordate alcune presunte epidemie precedenti rivelatesi poi solo bufale? Ci hanno riprovato e con successo.Che fine faranno ora tutti i vaccini in magazzino?

Nessie said...

Sì, detto in soldoni è riassumibile nelle tre sequenze di Icke, anche se come ho già detto lo trovo abbastanza mediocre, come pensatore. Ma qui ormai non c'è più tempo per fare esercizi di stile, Paola.
Forse non tutti sanno che nell'Antartide hanno installato apparecchi a onde elettromagnetiche che possono perfino provocare dei sismi. Non voglio arrivare a pensare a tanto, ma quando la fiducia se ne è andata, se ne è andata. E vedo che non fanno proprio nulla per farcela recuperare.

Nessie said...

Johnny, le faranno scadere. O cercheranno di piazzarli quanto prima in qualche altra area disastrata del mondo, dove la povertà , l'indigenza e il sottosviluppo culturale li porteranno a essere ancora più creduloni e bamba di quanto già siamo noi.

Anonymous said...

E che dire, Nessie, del progetto Haarp per il cambiamento climatico? E' vero, ormai la fiducia se ne è andata e, perlomeno nella rete, in alcuni siti, si parla, esplicitamnte, per il terremoto di Haiti, di un sisma provocato artificialmente. Che dire? Io, ormai, sono arrivata al punto di non escludere più nulla, almeno fino a confutazione esplicita e provata. Del resto, che le elites dominanti tramino nell'ombra è cosa che a volte si fanno sfuggire anche alcuni elementi delle classi dominanti stesse. Senti cosa disse una volta Nicholas Murray Butler, rettore della Columbia University, e, tra le altre sue cariche, membro del CFR (Council on Foreign Relations), un altro Bilderberg, come saprai: " Il mondo si divide in tre categorie di persone:un piccolissimo numero che fa produrre gli avvenimenti; un gruppo un pò più importante che veglia alla loro esecuzione e assiste al loro compimento, e infine una vasta maggioranza che giammai saprà ciò che in realtà è accaduto". Paola.

Nessie said...

Non c'è che dire: è davvero una democratica suddivisione del globo. Forse chi l'ha fatta pensava ai faraoni d'Egitto.

Paola, lo dico a te ma anche a Scarth, No Caste, Aldo e altri amici aficionados. Sarebbe meglio che vi faceste un account sulla piattaforma di blogger, perché ci sono fenomeni di spamming e di demenza psichica di disturbati mentali in rete. E d'ora in poi sarò costretta a bannare i commenti anonimi. Cmq è chiaro che a voi vi riconosco e vi pubblico.

Hesperia said...

http://esperidi.blogspot.com/2010/01/giuseppe-de-nittis-meridionale-al-sud.html

claudio said...

Ecco un portale interessante sulle medicine alternative. Ci ruberanno anche queste?

http://www.mednat.org/cure_natur/influenza.htm

Nessie said...

Grazie Claudio. Conoscevo questo link sulle medicine alternative, davvero prezioso. Spero che le grandi corporations farmaceutiche non arrivino ad assorbire e a far sparire anche queste. Ormai c'è da aspettarsi di tutto.
In Francia l'omeopatia va alla grande e le grandi case omeopatiche ( la Boiron in testa) hanno dato battaglia ai vaccini.

claudio said...

"Mi spiace, Topo Gigio, ma non sei stato convincente: Non è certo colpa tua:anche negli altri paesi europei che avevano fatto scorte di vaccini c'è ora il problema di come eliminare l'eccesso delle fiale che riempiono i magazzini: smaltirli, o piazzarli in qualche paese africano".

Passaggio preso da quest'altro link sull'argomento:

http://www.disinformazione.it/caro_topo_gigio.htm

E anche questo sul voltafaccia dell'OMS nel definirla "pandemia":

http://attentiallebufale.it/informazione-scientifica/speciale-bufale-pandemiche-come-difendersi/lanalisi-di-doshi-al-voltafaccia-delloms/

Nessie said...

Interessante in particolare il secondo link sul sociologo Peter Dashi, Claudio. Il voltafaccia dell'OMS nell'aver lanciato all'inizio l'allarme "pandemia" , per poi aver ritirato il termine, la dice lunga su come siamo esposti alle campagne allarmistiche o viceversa, alla minimizzazione delle emergenze quando invece si presentano gravi.

Inoltre va fatto notare che mentre Repubblica aveva in prima istanza bastonato il governo perché non prendeva sufficienti provvedimenti e non faceva "abbastanza", ora lo bastona perché ha sprecato troppo denaro per il vaccino. Insomma, non va mai bene, per certa stampa.

OT: il consiglio agli amici per la registrazione di un account, è evidententemente un consiglio e non un obbligo.

crevalcorepadana said...

E come il 2012, Nibiru e altre cose del genere.. tutti stratagemmi di un certo golem per farci pensare ad altro, sperando che non ci accorgiamo di un'impalcatura che piano piano si sgretola... manca poco sì, ma non alla fine del mondo. Manca poco a quando il gioco sarà rivelato per quello che è.

Orpheus said...

Ciao Nessie...diciamo che io dubbi sull'onestà di crea l'evento non ne ho più nemmeno uno.
I pennivendoli sono in combutta con le case farmaceutiche e con schiere di medici disonesti.
Ti creano la malattia e poi si arricchiscono vendendoti la cura...
uno schifo assoluto.
Sono decenni che non vado da un medico e non faccio esami di controllo...tanto servono a ben poco.

Aldo said...

Nessie: "[...] certa stampa".

Ma quanto trovo fastidiosa questa espressione, mamma mia! Forse perché ne fa uso ed abuso Emilio Fede? (personaggio che trovo improponibile)

Nessie said...

Mi spiace Aldo, ma non ascolto Fede. Anche "mamma mia" e il relativo abuso che se ne fa,non mi piace se proprio vogliamo fare i sofisticati.


Mary, beata te che non vai dai medici da decenni. Non tutti hanno il tuo privilegio. Purtroppo a leggere quante porcherie ci hanno fatto trangugiare, c'è da farsi venire la pelle d'oca. Te lo ricordi il Bactrim che si somministrava ai bambini? potrei fare l'elenco degli antibiotici dannosi, alcuni dei quali ritirati dal commercio.

Nessie said...

"Manca poco a quando il gioco sarà rivelato per quello che è".

Crevalcore, di questo passo, saranno loro che non arriveranno al 2012. Che per il resto, sarà una data come un'altra.

Anonymous said...

Quando, nell’aprile del 2009, ci furono in Messico i primi morti per influenza suina e i grandi organi di informazione iniziarono la loro campagna di terrorismo psicologico, le nostre autorità si affrettarono a minimizzare ed assicurarono che – in ogni caso – non avremmo avuto problemi, poiché il nostro Istituto Farmaceutico Militare era in grado di preparare in poco tempo milioni di dosi di vaccino. Poi abbiamo visto come è finita: col contratto capestro e il farmaco pagato (a quanto pare) un prezzo maggiore rispetto ad altri paesi europei.
A pensar male si fa peccato, dice… ma a volte ho la netta sensazione che in certi “ingranaggi” della nostra sanità aleggi ancora la sinistra presenza di Poggiolini…
(no caste)

Anonymous said...

http://www.ilgiornale.it/interni/i_ghiacciai_non_si_sciolgono_unaltra_ecoballa_che_scoppia/22-01-2010/articolo-id=415704-page=0-comments=1

http://www.ilgiornale.it/interni/le_maldive_affondano_una_bufala_ma_prova_dellinganno_sparisce/20-01-2010/articolo-id=415131-page=0-comments=1

Apparentemente non c’entra nulla col post, ma siamo sempre nell’ambito del governo mondiali sta. Con le stesse campagne di stampa sapientemente dirette e gli stessi burattinai a tirare le fila.
La recente “conversione” di personaggi come George Soros, Al Gore et similia alla causa dell’estremismo ecologista deve far riflettere...
(no caste)

Nessie said...

Poggiolini? Caro no Caste, Poggiolini era un dilettante fai-da-te in confronto alle ruberie internazionali dell'OMS. Almeno si poteva andare a casa sua a scovare i puffi (intesi come cuscini) pieni di denaro e ad arrestarlo. Quest'altri qui, invece, chi li acchiappa?
Quanto al Global Warming, al Climategate, e alle bufale che saltano fuori ogni giorno, non solo dalle fonti da te citate, ma anche dallo stesso Corriere:

http://www.corriere.it/scienze_e_tecnologie/10_gennaio_20/clima-himalaya-ghiacci_0749a970-05c8-11df-a1d7-00144f02aabe.shtml

fanno parte dello stesso pacchetto di cui al post alla voce "eventi". Prima ti creo l'evento, poi dispenserò i cosiddetti "rimedi" globali, costringendo tutti i poveri bamba ridotti a sudditi, ad accettarli.

Anonymous said...

Ciao Nessie, grazie per l'avviso.
Purtroppo qualcuno usa internet come i loro predecessori usavano olio di ricino e chiavi inglesi.
Tornando in argomento temo ci sia differenza tra la mancanza di scrupoli di manager finanziari che hanno messo KO il mondo e le loro controparti dell'industria chimico farmaceutica globalizzata: vengono sfornati dalle stesse scuole e hanno gli stessi dogmi. Perchè ci dovrebbe essere una differenza di comportamenti e mentalità?
Poi i vari "Financial Times", "Economist", "Repubblica" ecc. vengono presentati come se fossero dei candidi e imparziali angioletti separati da tutto il resto della combriccola del pensiero unico mentre i loro consigli di amministrazione sono la massima espressione delle peggiori commistioni e allenanze tra potentati economici globali e "informazione".
Scarth

Nessie said...

Scarth, come vedi non ne ho risparmiate al governo, in materia di eccesso di zelo e di sprechi. E se ti va, guardati il filmatino sulla Polonia coi relativi commenti sottostanti.

Ma fare come "Repubblica" che prima bastona "preventivamente" il governo a partire dalla scoppio della febbre in Messico, poi rinfaccia perché ha buttato quattrini, non aiuta a far chiarezza. Ogni giornale, se intende fare onesta informazione, dispone anche dei suoi giornalisti "scientifici". E allora ci si aspetta che questi informino con onestà sull'entità della malattia.
Chi lavora in ospedale, anche solo come segretaria alla reception,sapeva e ha diffuso la VERA notizia: i medici non si sono vaccinati per niente.
E per ogni cronista che si rispetti era questa la NOTIZIA. Se gli addetti al lavoro non si sono vaccinati, è segno evidente che trattavasi di BUFALA.