24 January 2008

Fine dell'accanimento terapeutico

Che dire? Alla fine tanto tuonò che piovve. Ultimamente Romano riusciva perfino ad essere pateticamente inquietante. Sfoderava un mascellone mussoliniano in occasione del suo discorso sulla "solidarietà monnezzara" delle regioni d'Italia verso Napoli e l '"emergenza pattume". "Quest'anno il mento si porta alto" - diceva lady Bracknell nella pièce teatrale "L'importanza di chiamarsi Ernesto". E Prodi mostrava sussiego a "mento alto". Poi ha voluto darci anche lezioni di morale parlamentare: "La crisi si risolve in Parlamento e non a mezzo agenzie stampa". Vero, e difatti...
Non ha nemmeno ascoltato Napolitano, il quale gli ha sottolineato che la maggioranza dopo il ritiro di Mastella non c'era più, e che era meglio prenderne da subito, ufficialmente atto. Ma la speranza è l'ultima a morire. Soprattutto se poi c'era la "speranzella" al Senato, di poter catturare qualche voto di un qualche transfuga pentito, dissociato e comprato per la bisogna, da altri schieramenti. Così ha cercato di barattare l'appoggio della Lega in cambio di un federalismo mortadellaro. Ha cercato di spaccare l'Udeur con un suo parlamentare dissociato dell'ultima ora. Il resto è curva Sud: parolacce, sputi, sceneggiate e urla da stadio a Montecitorio. Perfino qualche bottiglia messa in fresco e pronta per essere stappata sui banchi di AN, i cui parlamentari sono stati prontamente redarguiti da Marini. La nota di addebito delle "prodezze" governative la troverete in questo mio vecchio post, per chi ne avesse nostalgia. Non so se Napolitano scioglierà la camere per traghettarci al voto, oppure cercherà l'ennesima alchimia quirinalizia di un "goveno istituzionale". O "governo tecnico", o di transizione. E' lui il gran sacerdote delle serrature delle camere. Vorrei suggerire agli amici un trafiletto del Financial Times messo di sfroso dal Corriere di oggi 24/1. Di solito, attribuisco molta importanza ai trafiletti funebri seminascosti a margine. Quello che i giornali non dicono (o dicono a mezza voce) è la vera notizia.
"L'ultima cosa di cui ha bisogno l'Italia sono altre elezioni", scrive. Attribuisce poi tutta la colpa a Silvio Berlusconi per aver governato su un'agenda fatta di "interessi personali". E conclude: "Se Prodi cade, meglio un governo di transizione per cambiare la legge elettorale".
Che vuol dire secondo voi? A mio avviso è un messaggio chiaro: la politica è fatta di mascheroni di cartapesta da Carnevale viareggino e quel che conta in realtà è l'economia, la finanza, la borsa e i mercati cosiddetti internazionali. Perciò ho idea che il Carnevale finisca male. E che si punti a ciurlare nel manico, impedendo nuove elezioni per riciclare vecchi carri allegorici. Ma forse sarò pessimista...

45 comments:

marnie4 said...

Nessie,
ho letto il tuo esaustivo post che, nella sua concrtzza,alterna gioie e dolori!
La gioia per l'avvnuto decesso dello sgoverno, e il dolore per un'eventuale delusione, se non si dovesse procedere subito a nuove elezioni.
Per ora, come dice Lontana, godiamoci quest'attimo fuggente.
Domani è un altro giorno e ... si vedrà!
Ciao.

Elly said...

Nessina, diciamo che ho il tuo stesso pessimismo ma alle 22,34 del 24 gennaio 2008 sono felice così. 161 voti contro 156 (compresi quelli dei senatori a vita), mi hanno fatta sorridere un bel pò.

OCCIDENTALE said...

Cara Nessie,
sono talmente felice per la caduta del Carrozzone con tutti i saltimbanchi che non mi preoccupo del domani:del resto, a ogni giorno basta la sua pena.Non è necessario stasera pensare al dopo Prodi.Per conto mio, come what it may:qualunque furfante mi sarà più grato alla vista- e alle orecchie- di,cito i primi nomi odiosi che mi vengono in mente,la babbea Turco, il semianalfabeta Ferrero e quell'isterico, megalomane e idiota Pecoraro Scanio.In ultimo, sapere Prodi rottamato spero per sempre mi rende euforico, anche se so che la sorte degli italiani non è minimamente messa in conto né da chi perde oggi né da chi vincerà domani.
Aveva proprio ragione il sommo Borges dicendo che "un gentleman abbraccia solo le cause perse" e poiché deputati e senatori facendosi eleggere è come se vincessero un terno al lotto, è evidente che in parlamento di gentlemen ce ne sono stati sempre davvero pochi.
Buona notte e buona celebrazione con vari flute di champagne da Occidentale

Cittadino perplesso said...

Ti dirò, a parte la soddisfazione nel vedere che, almeno una volta, alla fine qualcuno di quei politici si è posto il problema dell'impopolarità nei confronti dei propri elettori e che abbia agito di conseguenza, nonostante questo, dopo tutto quello che ho visto in questi anni, rapportandolo con quanto successo altrove, non riesco neppure io ad essere troppo ottimista. Quello che avrebbe dovuto garantire la costituzione, ha preferito fino ad oggi garantire la gente del proprio schieramento politico, ignorando le esigenze della maggioranza degli italiani. Comunque, stiamo a vedere che succede e speriamo in bene.

Nessie said...

Va bene amici, vedo che siete tutti quanti per il carpe diem. Afferra l'attimo.
Intendiamoci, anch'io. Ma da mezzanotte in poi il domani è già qui.
Curiosamente Prodi, è caduto nell'anniversario della Costizuizione. Il sessantesimo.
E comunque ha restito come un Terminator terminale fino all'ultimo respiro.
Però non dimentichiamo che l'ultima parola è in mano a "rosso antico". Che non è un aperitivo ma è Napolitano. Un uomo molto sensibile al "nuovo ordine mondiale".
Sì, domani è un altro giorno e, come dice Occidentale, ogni giorno h ala sua pena.
Ricordo però che il PD e Veltronzo non ha nessuna voglia di elezioni con questa legge. E che ci sono molti interessi incrociati anche da parte dell'opposizione. Avremo una recessione economica simile (e forse peggio) di quella del '29, proveniente dall'America e che avrà una ricaduta su tutti gli stati occidentali. Siete sicuri che Berlusconi muoia dalla voglia di navigare in queste acque?

Nessie said...

PS: dimenticavo, il vantaggio a breve termine è che la sinistra ultrà e rifondarola torna relegata tra il ciabattume di qualche vecchia cantina. E questo è un passo.
Vi propongo di leggere questo splendido post di Bernardo di Chiaravalle (nick) sulla questione morale dal titolo "L'impotenza morale della politica":
http://bernardo.splinder.com/

Massimo said...

Festeggiamo !
E da subito spingiamo perchè il Centro Destra non si pieghi a governicchi istituzionali o simili.
E brindiamo alla faccia di tutti i Prodi (sui quali far scendere il silenzio) e Cusumano (idem) di questo mondo ! ;-)

Lontana said...

Purtroppo ormai siamo abituati al peggio e non osiamo pensare che ci sia del semplice buon senso.
Non mi faccio molte illusioni, ma il mio auspicio resta, dall'aprile 2006, quello di votare e subito.
Certo é che questo Prodi ha veramente scontentato tutti.
Ciaoooo!

Anonymous said...

Ad aprile vengono assegnate decine di nuovi incarichi-chiave, in moltissimi settori, Eni, Ferrovie ecc e Prodi vuole, con tutta la tenacia che gli conosciamo,procedere lui alle nomine per metterci gli uomini "giusti".

Se ne occupa anche Libero,oggi.

Quindi sto seduta sulla sponda del fiume e aspetto.

Stella

Orpheus said...

Cara Nessie e dici poco, rimettere in cantina la sinistra radicale é già un buon risultato.
Godiamoci questo monento...la politica italiana si sa, é gravemente malata, nessun governo é immune da pesanti commistioni con il mondo degli affari.
Il guaio più grosso del governo Prodi, é stata la sua immobilità, causata dall'ala estremista, il suo orientamento ad accogliere e piegarsi ai ricatti dei comunisti per tirare a'campa'...
Tolti questi dalle palle la situazione può solo migliorare.
Governo istituzionale. elezioni anticipate...va tutto bene, anche se io credo che il cdx spingerà compatto (esclusa la solita Udc) per le elezioni anticipate.
Cmq...prendere l'Italia in queste condizioni, in questo momento di instabilità economica mondiale, é una grossa grana.
Ciao Mary

Nessie said...

Massimo, influire sul centrodx , come?
L'UDC ha già detto chiaro e tondo attraverso Casini che loro sono per un governo istituzionale e che ne daranno l'assenso. Come al solito la palla passa a "rosso antico".
Lonty, di gente no' bbuona ce n'è anche nel centrodx. Inutile far finta di non vederla.E se l'Udeur di Mastella viene da questa parte, francamente ho molte perplessità. Ma come dice Mary, togliersi dalle palle i rifondaroli e i pidciini coi pecorari verdi è qualcosa.

Stella, hai toccato un tasto tra quelli più dolenti: quello dello spoil system all'americana che non c'è. Se i boiardi di stato (tipo Cimoli) restano al loro posto nelle ferrovie, nella sanità e tra gli alti funzionari, il nostro paese non potrà mai aspirare a un vero repulisti e a un vero scatto in avanti.

Nessie said...

Dimenticavo di dire che 60 è il numero chiave della cabala italiata: 60 sono gli anni della Costituzione e 60 sono i governi finora avuti dalla Repubblica. Quasi più governi che anni, a momenti. Per chi volesse giocarseli...:-)

nuovopatriota said...

Vittoria!!!!

SPADA ALZATA!

+nuovopatriota+
[torneranno i crociati.. e saran mazzate!]

Aldo said...

Per quel che ne so, dopo il Carnevale viene sempre la Quaresima... E non è un bel pensiero.

siro said...

Complimenti per la tempestività :-)
Ti hanno anche messo in primo piano su TocqueVille! Concordo con te, anch'io ho fastidiose sensazioni pessimistiche. D'altronde Napolitano lo hanno messo lassù per quello. Che dolor...

Nessie said...

Patriota, i francesi dicevano "continuons le combat". Non è che l'inizio.

Aldo, sei quasi più ottimista di me :-). Prima della Quaresima allora ci sarebbero Le Ceneri. Per ora raccogliamo le ceneri degli insaccati bruciati. Poi si vedrà...

Nessie said...

Siro, intanto ti ringrazio per aver cancellato il delirante diffamatore di fede comunista. Non posso più postare un commento dagli amici senza che ne approfitti per spargere zizzannie, veleni e livore nei miei confronti, non potendoli fare qui da me, perché non glielo consento.
Napolitano ha parlato proprio oggi mettendo già un mucchio di paletti preventivi sulla necessità di andare a votare con altra legge elettorale. In realtà che vuole dire tutto ciò?
Andare a votare quando il PD è saldamente strutturato e non allo stato attuale, per esempio...

elezioni subito said...

Nasce da Palermo il movimento "ELEZIONI SUBITO"

I cittadini di Palermo a seguito della caduta del Governo fondano il movimento nazionale "Elezioni Subito" al fine di ottenere dal Presidente della Repubblica Italiana On. Napolitano lo scioglimento delle Camere agli elettori lo facoltà di scegliere liberamente e democraticamente nuovi rappresentanti e mandare la casta parlamentare a casa.

Al movimento hanno subito aderito il Coordinatore
cittadino de "la Destra" Michele Tortorici, a cui hanno fatto seguito le adesioni delle associazioni Gioventù Italiana per conto del portavoce nazionale Ruggero Razza ed Unidestra per conto del fondatore Andrea de Leitenburg, dando così un immedianto respiro nazionale e giovanile dell'iniziativa.

Fin da stamattina 25 gennaio 2008 il movimento sarà presente all'Università degli Studi di Palermo con una raccolta firme per presentare la petizione al Capo dello Stato.

La petizione è sottoscrivibile online al sito internet http://www.firmiamo.it/elezionisubito

Il Movimento Elezioni Subito

FRONTE PADANO said...

PADANIA LIBERA SEMPRE!

Scarthorse said...

Secondo me non è caduto; è andato solo un attimo dietro alle quinte magari solo per cambiare maschera.
Ora l'Eterno Gattopardo è all'opera per non cambiare nulla.
Quello che hanno in mente i Poteri Forti che reggevano Prodi è scritto chiaramente nel trafiletto che hai citato. Non aspettiamoci nulla di buono nè per la libertà nè per la democrazia.

eraclix said...

Beh io facendoti i complimenti per un post sempre stimolante e mordace dico che almeno oggi non voglio condividere il tuo pessimismo e così per intanto me la godo..(sarà che ho un cellulare vodafone)..ciao cara.

CUORENERO said...

Buffa gente! Governicchio per rifare la legge elettorale "con questa non si governa" visto che non si determinano maggioranze certe. Allora il sistema tedesco.
Ma non è in germania che sono stati costretti alla grosse-koalition??? Buffa gente! Non sarà che hanno bisogno di 2 mesi di oosigeno in più??? Ma si, walter ha sbagliato tutto, ora sono nella m........
Il professore sembra un patetico bonaccione, ma è un cagnaccio rabbioso. Cattivo e rancoroso. Non l'ha fatto cadere Mastel-card, è stato walterone, lui lo sa, per questo si è voluto contare al senato. Lui lo sa e vuole fargliela pagare. Dalema non ha messo la sua faccia su questo governo. Dalema, inquisito su unipol, ha dovuto cedere ai ricatti di walterone. Ma anche lui è rancoroso, più intelligente e senza faccia di mortadella. Walterone ha orchestrato la banda santoro travaglio, incredibile gli schiaffoni che ha preso dalema ad annozero con de magistris. Ma dalema, può non piacerci, ma è un politico di razza. Silenzio, neanche una parola. Il compagno Mao gli ha insegnato bene, attendere il cadavere del nemico sul fiume.
Come ne usciranno??? Speriamo che non ne escono proprio! Certo ora sono a pezzi, lacerati, pronti al "fuoco amico", che nella vita come in politica è sempre il peggiore. Chi di magistrato ferisce di magistrato perisce. Esattamente come con mani pulite. La rivoluzione gli è sfuggita di mano, ora il popolo vuole linciarli. Sono nel bunker, tutti assieme. Ma non è il bunker dove nessuno è disposto a sopravvivere all'altro, neanche i propri figli si è disposti a far sopravvivere. No non è quel bunker. Loro non si nominano nemmeno. Al senato abbiamo sentito nominare il PD, il partito di Orvieto, nessuno ha attaccato direttamente veltroni. Sono nel bunker insieme, tutti sperano che walterone lasci la porta aperta, per sgozzarlo nel sonno. Lui ha sbagliato tutto! Ma davanti a palazzo madame migliaia di cittadini continuano a passare. Stendono il braccio. A chi gli chiede cosa state facendo, rispondono: "saluto Romano".
Si vota subito. Si vota con questa legge. Ma non abbassate la guardia, la battaglia è appena iniziata. Ragazzi approfittiamo della guerra, la pace è stata terribile.
NON LASCIATE CHE I VOSTRI CUORI INDULGANO AL PESSIMISMO.
IDENTITA'
BELLEZZA
RESPONSABILITA'
SICUREZZA
Queste 4 parole saranno la nostra bandiera.
Per loro combatteremo, per loro, se sarà necessario, sapremo morire.
Ricordo sempre le parole di Ezra Pound:
"Giacchè se un uomo non è disposto a morire per le proprie idee, solo due cose può voler dire: o non valgono niente le sue idee o non vale niente lui!".

Nessie said...

Petizione più, petizione meno, ne ho firmate tante in questo periodo, che mi fa quasi male il braccio. Si dovrebbe votare e basta. Senza tutte queste camarille e tutti questi pateracchi. Ma questo non è affato un paese normale ed è sgovernato dalla gerontocrazia da nosocomio che vediamo.

Scart il gruppo dei frequentatori del mio blog si divide in due: gli ottimisti e i pessimisti. Credo nel pessimismo dell'intelligenza (cioè lo spirito critico). Ma anche nell'ottimismo della volontà.Cioè la voglia di cambiare. Perciò quel trafiletto del Financial Times e Napolitano in questo ore, accanto a un petulante Montezemolo, mi hanno fatto drizzare le antenne.
Ma è anche vero che per fare qualcosa di nuovo bisognava far ruzzolare il culone grasso di Prodi-Balanzone per terra.

Nessie said...

Eraclix, fai bene :-)
Cuorenero, credo che le riforme si debbano fare da posizione di forza e non di debolezza. Se si vota subito e vince la destra, si potranno fare le riforme che necessitano. Se andrà invece su la sinistra aprofittando della moratoria di un governo di transizione (o tecnico o istituzionale o balneaor o cos'altro diavolo), allora è evidente che traranno vantaggio dal tempo per scribacchiare riforme "ad personam" e adatte solo a loro. Perciò occorre votare SUBITO e battere il ferro finché è caldo.

lollo said...

Oggi si sta già meglio.
Le pensionate al mercato avevano la borsa più capiente e piena e facevano capriole di gioia.
Non ci sono e non ci saranno più stupri e quando un italiano falcerà con la macchina due rumeni, potranno scrivere che era ubriaco, che non c'era neppure un fili di nebbia e che splendeva un sole luminosissimo.
Improvvisamente tutti arriveranno alla sesta settimana con lo stipendio (e il salario) mensile, e dal momento che avanzeranno un bel po' di euro potranno investirli in Mediolanum o Mediaset.
Il Papa smetterà di apparire in televisione tutti i giorni e non dovrà più preoccuparsi (se mai si è preoccupato) di Dico, Pacs e altro.
La Binetti finalmente passerà notti d'amore lunghissime e finalmente proverà orgasmi vaginali a gogo. La Melandri potrà andare tranquillamente a fare shopping in via dei Condotti e non sparerà più cazzate su Totti.
Il confltto d'interessi sarà affrontato nel 2058 e la Magistratura finalmente sarà riformata per insufficienza toracica.
Questo è il paese dove un dentista fa una legge elettorale per mezzo della quale personaggi come Mastella, con 3 o 4 senatori e deputati, può mandare a casa un governo (tanto poi ci torna, sia quel che sia…).
E' il paese di chi dice che con la mafia bisogna imparare a conviverci (Lunardi, per chi se lo fosse scordato), è il paese di chi dice tranquillamente che se non si fa come dice lui, si andrà in piazza con le armi.
E' il paese di gente che pur avendo le mogli agli arresti domiciliari o condannata per bancarotta fraudolenta, con lo 0,1% fa cadere i governi.
E' il paese di chi dice che la sinistra non esiste più, ma tiene in ostaggio il governo, che poi cade per un pugno di democristiani putrefatti.
E' il paese di una classe politica ampiamente corrotta e trafficona e se qualche magistrato prova a fare luce gli tolgono la corrente.
E' il paese dei liberali, ma se si prova a liberalizzare qualcuno, quelli scendono in piazza in taxi.
E' il paese dove finalmente sul lavoro non morirà più nessuno e se per disgrazia ci sarà qualche eccezione, sarà perché era un comunista a cui stava sulle palle il padrone.
La lista dei ringraziamenti sarebbe lunghissima.

Un applauso, buona crisi a tutti!

marnie4 said...

Nessie,
leggendo tutti i commenti, noto un generale pessimismo deprimente. Per favore, non facciamo prendere dallo sconforto, proprio ora che la casta è stata detronizzata. Si sa che il futuro non è sempre un giardino in fiore, ma nemmeno un viale irto di cespugli, come pare qui rappresentato. Avete sfogliato il calendario fino alla Quaresima, ma vi siete scordati che dopo la Quaresima c’è la Resurrezione, che vuol dire nuova vita per tutti, cominciando già da questa vita terrena. E con questo importante presupposto, che non è una chimera, un pò di ottimismo è d’obbligo. Se no diventiamo tutti già “nature morte”. Ricordiamoci che sempre dopo ogni faticosa salita, inizia il percorso in discesa, più agile e leggero, e che dopo la notte buia, spunta sempre il nuovo giorno di luce. Per tutti. Riponiamo dunque un pò di speranza per le prossime sorti della nostra nazione e cerchiamo di essre un pò ottimisti, alla maniera di cuore nero.

Nessie said...

Mi spiace Marnie, ma hai letto proprio male. Ripassa in rassegna i commenti e vedrai che i miei sono cauti, quelli di Scart così così, e che di pessimista autentico c'è solo Aldo.

Lollo, immagino di che parrocchia sei, per scrivere questa invettiva con un sarcasmo che francamente non condivido. L'ho pubblicata perché esprime un'irritazione almeno pari a quella che ho visto a Fassino ierisera a POrta a Porta. Penso comunque che anche tu, a modo tuo, abbia letto male questo post. Non mi pare di aver sbandierato l'Eldorado. Anche se non credo di dover essere annoverata tra le "nature morte", solo perché non ho messo nel template bottiglie, bicchieri, coriandoli e fuochi d'artificio.

Nessie said...

PS: molte cose restano da completare, ma il centrodestra qualche riforma (subito azzerata dall'Unione) ha tentato di farla. E soprattutto le tredicesime non furono decurtate in busta paga: una vera rapina. Questo per la cronaca spicciola al signore di cui sopra.

Old Whig said...

Cara Nessie, ho una sola parola: ELEZIONI!

Nessie said...

Anch'io. Tutto il resto è futile ciancia. POi le riforme e la nuova legge elettorale si faranno da una posizione di forza e non di debolezza.

Cittadino perplesso said...

Tanto per dire: in questo momento, da Mentana, il Rutelli si sta già facendo propaganda elettorale, promettendo chd il suo partito risolverà i problemi della Campania: che faccia tosta!
Praticamente, a quei delle Iene che gli chiedevano chiarimenti sui 7 milioni di euro che era costato il sito che invitava a visitare, l'Italia, sito che non funzionava bene, contenente anche il suo esilarante video nel quale, come hanno degl'inglesi ai quali è stato fatto visionare, "sembra che parli un robot" e le risate di contorno le potete immaginare. Non so esattamente quando, quel sito non esiste più: 7.000.000 di euro buttati, e lui ha cercato pure di scaricare la colpa di tutto sul precedente governo.
Peggio di così!

Lo PseudoSauro said...

Secondo me il tuo timore e' una certezza. Tireranno il piu' tardi possibile, ma alla fine le elezioni le dovranno "concedere". Allora, dato che chi vincera' e' oltremodo scontato, si porra' un problema nuovo. Considerato che il governo Prodi non si e' particolarmente distinto per "antiamericanismo", a parte i soliti due o tre sciagurati; considerato che l'ex comunista Napolitano e' un entusiasta del New World Order... che fara' Berlusconi che pure e' sempre stato un americanista di ferro? Perche' la gggente vorra' vedere una qualche differenza con il governo precedente, e non solo per cio' che concerne il fisco. Magari sul fronte immigrazione, tema sul quale, solo la Lega ha una posizione ben precisa. Secondo me non gli rimane che una sterzata in senso nazionale, il che potrebbe alienargli anche il consenso internazionale da parte di quei pochi che l'hanno sempre sostenuto. In alternativa, un'azione di governo troppo simile a quella prodiana, anche se meno vessatoria sul piano fiscale, finirebbe per consolidare il sospetto generale, ovvero che destra e sinistra siano la solita carnevalata per giustificare una democrazia che non esistette mai, nemmeno nelle intenzioni dei costituenti. Purtroppo, temo che la seconda ipotesi sia la piu' verosimile, in quanto chi si mette di traverso sulla strada della finanza internazionale, fa storicamente, e sempre, una brutta, anzi bruttissima, fine. Rimane l'incognita del default economico mondiale che potrebbe costringere l'Europa a cercare un minimo di autonomia, non foss'altro che per sopravvivere, mentre i suoi custodi sarebbero piu' impegnati a grattarsi reciprocamente le loro proprie rogne, piuttosto che sorvegliare i discoli europei. Certo che, se l'Europa conta poco, l'Italia e' del tutto ininfluente sullo scacchiere mondiale. E Berlusconi ha il mento un po' troppo sfuggente. :-)

Lo PseudoSauro said...

P.S.
e niente "collo taurino" :-)

Nessie said...

Sì, Cittadino, ne ho visto un pezzetto anch'io. Però c'era Casini e non più Rutelli. E infatti si sente già puzzo di inciuci e di camarille. Ora sta tirando fuori una nuova (si fa per dire) formula: "governo di responsabilità".

Sauro, tanto per rimanere alle battute surreali non voglio che i miei ospiti a cena abbiano il collo taurino :-). Potrei sottostare al biasimo dei macellai e magari anche dei salumieri.
Scherzi a parte, pensa che c'è stato quel pazzo furioso di Dilibeija che ha avuto il coraggio di proporre un Prodi 3. "Che farà ora che non è più capo del governo? " hanno chiesto al Mortadella. "Il Nonno". Beato a chi ci crede! Da qualche parte si riciclerà senz'altro (anche se non più al governo). Ma ai giardini Margherita con nipoti e cani, ci manderà la Flavia.
Credo anch'io che faranno di tutto per impedire una nuova ascesa di Berlusconi. E i grossi gruppi editoriali nazionali e internazionali legati alla finanza hanno già iniziato di brutto. Da noi Il Sole 24 ore, con un Folli particolarmente scalmanato.

Aldo said...

Un ulteriore commento, giusto far vedere che sono ancora qui a leggere...

Si parla di centro-sinistra e di centro-destra a go-go. Cambia il suffisso, ma il prefisso rimane quello: centro. Forse è per questo che non cambia nulla. Il classico piede in due scarpe per essere sempre presenti qualunque cosa accada?

Forse se andasse al governo una vera sinistra o una vera destra vedremmo qualche concreta novità. Insomma, liberarsi di quel molesto "centro", spalmato su ambo gli schieramenti per poter sempre rientrare dalla finestra, potrebbe essere già un bell'obiettivo?

Liberarsi dai coloranti artificiali che ingannano l'occhio senza modificare il sapore... e che per di più si vocifera provochino il cancro.

Nessie said...

Può essere Aldo. Tutti cercano "un centro di gravità permanente" :-)
Ma la verità, è che in Italia non c'è nemmeno una vera destra coraggiosamente conservatrice, né una vera sinistra coraggiosamente riformista. Quel che abbiamo proviene dai rottami della guerra fredda. A parte ciò, c'è anche la "questione morale" degli enti pubblici e dei pubblici servizi che non è cosa di poco conto: vedi cosa sta accandendo in Sicilia con Cuffaro, mangiatore di cannoli a tradimento.
Ho già dato il link dell'amico Bernardo e lo ripeto qui, a proposito dell'impotenza morale della politica:
http://bernardo.splinder.com/

lollo said...

Sono d'accordo con Aldo.
Martedì, mentre - sulla scena - destra e sinistra si scontravano intorno al governo, dietro la scena, cioè nel luogo etimologico dell'«osceno», i senatori di destra e sinistra salvavano tre colleghi di Forza Italia e uno dei Ds dalle possibili conseguenze delle loro telefonate indirettamente intercettate: Luigi Grillo, Romano Comincioli, Paolo Guzzanti e Nicola Latorre. La giunta per le autorizzazioni a procedere, approfittando della confusione generale, ha negato ai giudici di Milano e di Roma il permesso di usarle nei processi contro Mario Scaramella, superconsulente della commissione Mitrokhin, e i furbetti del quartierino per le scalate bancarie. È bene ricordare cosa prevede la legge Boato varata nel luglio 2003: premesso che la Costituzione vieta di intercettare membri del Parlamento senza l'ok preventivo del Parlamento medesimo (una barzelletta), capita che questi parlino con persone indagate e intercettate. In questo caso, è sufficiente che in una conversazione compaia la voce di un parlamentare per renderla automaticamente inutilizzabile e avviarla al macero: i giudici non possono usarla contro il parlamentare, e nemmeno il non parlamentare (attratto dal parlamentare in una sorta di «immunità contagiosa»): a meno che il Parlamento non autorizzi i giudici a usarla. La legge è talmente demenziale che, nel novembre 2007, la Consulta la dichiara incostituzionale in due parti: non serve il permesso delle Camere per usare la conversazione a carico del non parlamentare e, in caso di diniego del Parlamento, la bobina non va distrutta. Intanto diversi giudici avevano chiesto alle Camere l'ok a usare intercettazioni indirette: nei confronti ora di parlamentari, ora di non parlamentari, ora di entrambi. L'ha fatto il 20 luglio il gup di Milano Clementina Forleo, cui la Procura aveva chiesto di usare 70 intercettazioni raccolte nell'estate 2005, che coinvolgevano gli indagati Consorte, Fiorani, Ricucci e la signora Fazio a colloquio con i deputati Ds Fassino e D'Alema e il forzista Cicu,nonché con i senatori forzisti Grillo e Comincioli e il Ds Latorre. La giunta e poi l'aula della Camera hanno risposto in ottobre: ok all'utilizzo delle telefonate di chi non rischiava nulla (Fassino e Cicu), restituzione degli atti a Milano per l'«indagabile» D'Alema, che all'epoca dei fatti non era deputato, ma eurodeputato. Il Senato ha temporeggiato. Poi martedì, a sei mesi dalla richiesta del gip, la giunta ha risposto: no per Grillo (indagato), restituzione degli atti al gip per Comincioli (non indagato) e Latorre (indagabile). Idem per Guzzanti & Scaramella: la giunta ha proposto all'aula di rispedire il fascicolo al gip Guglielmo Muntoni, che quasi un anno fa aveva inoltrato la sua richiesta per conto della Procura di Roma che sta processando Scaramella per calunnia. L'unico giornale che ha dato la notizia è II Messaggero. Che ha pure riportato le stupefacenti giustificazioni fomite dal senatore diniano Roberto Manzione. Sui casi Guzzanti-Scaramella, Latorre-Consorte-Ricucci e Comincioli-Fiorani, spiega Manzione, «la giunta ha deciso di restituire gli atti perché, per qualità e numero delle intercettazioni, l'autorizzazione a intercettare dev'essere preventiva». Traduzione: i giudici avrebbero dovuto chiedere il permesso del Parlamento pure per intercettare Scaramella e i furbetti, prevedendo che avrebbero parlato con senatori. Par di sognare: il giudice dovrebbe informarsi sugli amici del suo indagato e, se vi scopre qualche parlamentare, deve rinunciare a intercettarlo; anzi, chiedere il permesso al Parlamento, cioè avvertire l'indagato in anticipo, così che smetta di parlare al telefono, o cambi numero, o ripieghi su più sicuri pizzini. Ora, che il centrodestra protegga i suoi dalla Giustizia non è una sorpresa. Ma che lo faccia il centrosinistra lascia di stucco, viste le tante promesse di massima trasparenza e lealtà verso la magistratura. La decisione del Senato non è definitiva: deve ancora votare l'aula. Speriamo che l'ultimo atto di questo Parlamento non appaia come l'ennesimo salvacondotto ai membri della casta.

Vargan said...

Visto che io ho appoggiato questa coalizione. Vi sembrera strano ma non sono del tutto dispiaciuto del suo decesso.

Prima di tutto per l'insopportabilità dei vari Bertinotti, Mastella, Pecoraro etc etc.

Mi auguro che quel paguro del culturalveltroniano riesca insieme al berluskaiser di mettersi insieme per una nuova legge elettorale. So che è una chimera irragiungibile ma mi piacerebbe che insieme facessero qualcosa di sensato per poi magari andare a morire in qualche oppieria tutti assieme magari a braccetto.

Cosi finalmente nel bene o nel male potremmo ,si spera, sciegliere la nostra preferenza di partito senza satelliti, cespugli, ronzini e aghi della bilancia o meno.

A tal fine sarebbe ora che certi marginali partiti succhia soldi e cacciatori di posti in parlamento o in consiglio d'amministrazione finiscano nella pagine degli animali in via d'estinzione per mancanza di cittadini disposti a stipendiarli e mantenerli a vita. Ovviamente senza che i benemeriti cialtroni facessero alcunchè di più costruttivo che di controllare la poltrona prima di sedercisi di mondo che almeno il deretano sia sempre pulito.A riprova che la faccia può anché essere di culo, ma si tollerano abilmente le mani sporche purchè vi sia a contorno un sorriso lindo anche se anale.

Nessie said...

Lollo, non conosco nel dettaglio la legge Boato, perciò devo darti credito, con beneficio di inventario. Sono contrarissima alle intercettazioni telefoniche che in paesi più civili del nostro sono un reato e vengono perseguite a norma di legge. E lo sono a 360 gradi: cioè per tutti. Men che meno, mi piace il malcostume di tenerle in frigo e tirarle fuori quando servono a seconda del clima politico che c'è. Il capitolo "privacy" sarebbe tutto da discutere, ma non basterebbero intere schermate di pc. Ti fanno firmare valanghe di documento per la privacy eppoi al telefono ti rompono le palle ogni due per tre per venderti questo e per venderti quello. Un'ultima cosa. La sinistra ha usato da decenni la magistratura come testa d'ariete per sconfiggere gli avversari politici (si veda il caso Craxi e la stessa Tangentopoli nel '92). Nel frattempo la "casta" giudiziaria (sissignore, è casta anche quella) è cresciuta e ora vive per così dire di "vita propria". Ecco che allora la sinistra si schermisce e si comporta (come tu stesso denunci) esattamente come la destra. E cioè, scopre il garantismo dell'ultima ora. Cioè il suo.
Da come parli, suppongo tu sia un frequentatore del blog di Grillo...o no?

Nessie said...

Vargan, non so che dirti: le cattive compagnie sono parte integrante del sistema maggioritario. Ambedue gli schieramenti hanno compagni di strada che fanno venire, a turno, il mal di pancia.
Saresti dunque un veltroniano? Beh, in queste ore si parla della solitudine del Veltro :-)
Sul cespugliame sono d'accordo con te: da ranzare col rasaerba.
Temo, con i problemi che abbiamo sia in Italia che nel mondo, che lo schema "destra/sinistra" sia del tutto inadeguato a risolvere le emergenze.

Le Barricate said...

Neanche io sono tanto ottimista. Come ho scritto in un mio post sull'argomento adesso la palla è in mano a un vero comunista D.O.C., e io, al contrario di molti sedicenti super blog di destra coi contro cavoli non ho gioito alla sua nomina.. anzi! Ma io al contrario di questi campioni, sono becero. E' risaputo..
Ciao :)

Vargan said...

Francamente non so più che cosa sono. Francamente forse mi sono anche rotto un po le scatole di questi politici che si rifanno per vie trasverse agli statu uniti d'america.

Tra l'altro (visto che Veltroni lo fa spesso), trovo alquanto incredibile la sua manifesta adorazione per il sistema complessivo americano che detta da un ex-post-trans-comunista come lui giudico per lo meno sospetto.

Nessie said...

Ciao Ineffabile :-) Come avrai visto, in passato a questo fossile dell'era paleozoica che è Napolitano ho dedicato alcuni post piuttosto satirici. Figurarsi poi se mi fido dopo averlo visto accanto a Monteprezzemolo! Che sia la Confindustria a suggerire quale sia il governo più adatto a noi, già mi puzza. E parecchio...

Vargan, ti faccio i miei più vivi complimenti per l'onestà. Ultimamente, non c'è più anima viva in giro che dica di aver votato per Prodi. "Mai votato, jamais couché avec...sì l'ho votato, ma in realtà è perchè c'è il maggioritario e non volevo darla vinta a Berlusconi..." : queste sono alcune delle frasi che si sente dire.
Su Veltroni: francamente è da tempo che Uolter vo' fa' l'amerikano. Già quando preparò quella "convention" (ora si usa chiamarla così) dove lo slogan era I CARE (io mi prendo cura di...). Vanta un padre repubblicano amico e Mentore di Mike Bongiorno e fa capire chiaramente che lui "mai stato comunista". Nonostanteciò è un po' pochetto per chiamarlo davvero "l'uomo nuovo", non ti pare?

Nessie said...

PS: Dimenticavo di segnalare a tutti i visitatori e i commentatori questo impagabile video di Striscia la Notizia su Cossiga che inveisce contro Mario Draghi, attuale governatore di Bankitalia
http://www.striscialanotizia.mediaset.it/puntata/2008/01/24/puntata_105.shtmlankitalia:

Cercate il video di giov. 24 "Le dichiarazioni di Francesco Cossiga".
Come al solito, tra un bottarella di scolapasta e un'altra, Cossiga dice la verità.
Quel che però resta indegno da parte sua (vecchio rottame della I Repubblica) è:
1) aver rivotato la fiducia a Prodi
2) aver consigliato la nomina di Draghi al governo Berlusconi per poi pentirsene e sputtanare.
Gli Italiani ne hanno le cosiddette strapiene di questi camarillari bizantini di professione della mai morta (Nosferatu) Ia repubblica.

Nessie said...

Meglio ancora, linkate qui
http://www.video.mediaset.it/video.html?sito=striscia&data=2008/01/24&id=6717&categoria=servizio&from=striscia

C'è pure da scompisciarsi dal ridere nel vedere l'imbarazzo di Luca Giurato.